In questi giorni si parla tanto di distanze sociali, di rischi per la salute dell’umanità. Oggi noi vogliamo dirvi:

Non state lontani! Abbiamo bisogno di voi!

 Ci manca quella vicinanza che nelle case per ragazzi non deve mai mancare. Alla Casa dell’Angelo facciamo di tutto per proteggere e riempire di relazioni significative e di esperienze stimolanti, le giornate di quarantena dei nostri bambini e ragazzi.

Sappiamo bene che dentro questa grande emergenza COVID-19 ci sono tutte le piccole emergenze che viviamo ogni giorno, quelle delle nostre case e dei nostri vicini; è proprio per non perdere questo senso di vicinanza – che ai nostri ragazzi manca spaventosamente e , in modo ancor più drammatico in questa emergenza sanitaria, vi proponiamo di abbracciare la nostra iniziativa “ADOZIONE A VICINANZA” (già App scaricabile su smartphone o tablet).

.     

 È una iniziativa che punta a sostenere i progetti dei ragazzi, per seminare e coltivare il loro futuro, per portare un sorriso a chi lo ha perso, per tenere vivo un percorso di studi, per sostenere un progetto di crescita verso l’autonomia. Sono tutti traguardi preziosi che in questo momento di incertezza e fatica, anche economica, possono fare paura. 

 Entra anche tu nella nostra grande famiglia e dona per adottare a vicinanza uno dei nostri ragazzi o uno dei loro nostri progetti per aiutarli a crescere, a diventare Grandi!

 ADOZIONE A VICINANZA, CON TE POSSIAMO FARE DI PIÙ

Un grande abbraccio “a vicinanza” La Casa dell’Angelo

Fermarsi non si può...” direbbe anche oggi Don Guanella…

…con sguardo amorevole agli anziani nelle RSA, ai “buoni figli” dei nostri centri, ai giovani delle comunità, a chi bussa alla nostra porta, a ciascun operatore esempio di dedizione, professionalità e coraggio. Incoraggerebbe ciascuno di noi.

Ti chiediamo, con semplicità, di starci vicino e di sostenerci….con te possiamo fare di più

Se sei persona fisica indicando nella causale Covid 19 puoi detrarre il 30% dell’importo, se sei una azienda l’importo è interamente deducibile.

DONA con bonifico al nuovo IBAN dedicato IT89V0569610901000009107X60 intestato a OPERA DON GUANELLA EMERGENZA COVID-19, indicando nella causale Covid + Casa Divina Provvidenza Como

DONA con PayPal o carta di credito

Carissimi Benefattori e Amici,

Come state? Spero che tutti stiate bene? Vorrei far sentire la nostra vicinanza a tutti voi in questo periodo di emergenza e particolarmente a chi ha perso familiari o amici per il Covid-19 e chi si sente solo in casa e a chi invece ha perso il lavoro. Noi vi accompagniamo sempre con la nostra preghiera, in questo periodo: ogni mercoledì dedichiamo tutta la giornata all’Adorazione Eucaristia e tutte le sere recitiamo il Santo Rosario, pregando per tutti voi benefattori e amici della Casa dell’Angelo.

Leggi tutto

Scarica ora la nostra App su App Store o Google Play

 

       

Martedi 8 settembre 2020 è stato realizzato l’incontro in modalità digitale per condividere riflessioni e valutazioni in merito agli interventi realizzati durante la fase emergenziale e eventuali prospettive future. Anche durante l’emergenza Covid, grazie a una profonda collaborazione e sinergia tra Istituzioni, Agritu finanziato dal Fondo Sociale Europeo- Regione Liguria 2014-202 e gestito da Alfa è stato per la nostra Cooperativa lo strumento per essere vicini alle persone più fragili offrendo occasioni di inclusione.

Contattaci per maggiori informazioni.

Un istituto religioso che da quasi 70 anni accoglie bambini e ragazzi in difficoltà da Genova e da fuori città. Una grande famiglia con un progetto educativo e di vita per ognuno

Accoglie bambini e ragazzi con realtà familiari molto pesanti, creando loro un mondo nuovo, popolato di “fratelli maggiori”, in grado prenderli per mano e di accompagnarli nella vita. Stiamo parlando della “Casa dell’Angelo”, un’organizzazione religiosa con sede a Borzoli, per minori da 6 a 18 anni, dove ieri pomeriggio il sindaco di Genova Marco Bucci, ha fatto visita per conoscere le necessità e i bisogni, non solo finanziari, dell’istituto, intrattenendosi a lungo con gli educatori e il direttore don Arnold Mata.

“Ai nostri ragazzi – ci dice il direttore – creiamo un’alternativa e diamo loro una possibilità di esperienza familiare. Provengono da diversi continenti e insieme formano una comunità che abbraccia tutto il mondo. Cerchiamo di vivere lo spirito della famiglia, dove gli educatori riescono a trasmettere la gioia e l’amore di cui hanno un grande bisogno. Facciamo tante attività perché sappiamo che i ragazzi hanno necessità di crescere bene nel presente con un progetto concreto che li renda autonomi”.

Qui i minori vengono accompagnati nella loro vita di tutti i giorni, frequentano le scuole del quartiere, vengono seguiti nello studio e nelle attività formative e sportive. C’è una ebanisteria molto ben avviata, una serra, una piccola azienda agricola dove si producono, oltre alle verdure, marmellate e miele.

“Escono dai 18 anni in poi – continua Don Arnold – ma non li perdiamo di vista. Continuiamo a seguirli accompagnandoli nella vita adulta con consigli e aiuti, soprattutto quando entrano nel mondo del lavoro. Siamo una comunità religiosa ma, come diceva in nostro fondatore don Luigi Guanella, non diamo solo il pane o solo Dio, ma cerchiamo di approfondire soprattutto gli aspetti educativi, perché sappiamo che questi ragazzi vengono da famiglie dove nessuno ha insegnato loro le basi della vita e quindi cominciamo con le cose semplici per arrivare a quelle importanti che riguardano il futuro”.

I ragazzi che risiedono nella casa sono 26, e 9 quelli della comunità diurna, affidati alla custodia della Casa dell’Angelo dalle istituzioni o dal tribunale. Ogni anno, i più grandi, hanno la possibilità di fare un tirocinio su progetti qualificati. “Siamo contenti della presenza del sindaco –conclude il direttore della Casa dell’Angelo – una presenza che ci dà la forza di andare avanti mantenendo questo spirito di famiglia”.